venerdì 2 settembre 2016

Insalata di orzo tonno, pomodorini ed olive taggiasche

Il frigo è ancora vuoto. Inutile fare la spesa visto che martedì partirò per un'altra vacanzina di una settimana.
Mi attendono sette giorni di mare, e che mare, quello della Sardegna.
Acque limpide, gente cordiale e buon cibo.
Quest'anno devo dire che ho in programma tanti viaggi, e spero di riuscire a farli tutti. Non mi tolgo più nulla, ogni momento è buono per viaggiare ovviamente finanze permettendo.
Ho rimandato troppe volte per altri, ora se posso mi tolgo ogni sfizio.
Prossima tappa Ibiza, seguita da Londra e Mykonos. Per capodanno ci pensiamo più avanti ahahah
Nel mentre saccheggio la dispensa in cerca di qualcosa ed ecco improvvisata un'insalata di orzo, tonno pomodorini e olive taggiasche.

Lessare l'orzo in una pentola con acqua salata.
Seguire i tempi di cottura indicati sulla confezione.
Una volta scolato e raffreddato, unire i pomodorini pachino tagliati a pezzetti, il tonno, le olive taggiasche.
Regolare di sale e olio.
Guarnire con qualche foglia di basilico

mercoledì 31 agosto 2016

Fiducia questa sconosciuta e uova ripiene.

Ieri riflettevo con un'amica di come ho notato un cambiamento nel mio modo di interagire con al gente.
Le delusioni evidentemente mi han segnata più del dovuto perchè mi sono resa conto della fatica che io faccio a credere alle parole degli altri.
E non solo agli sconosciuti a cui ormai guardo subito con occhio critico, ma anche ai racconti di amici che nella mia mente seziono in cerca di contraddizioni.
Fatico a credere a relazioni, storco il naso di fronte a malattie, dubito delle interazioni tra persone, sono davvero poche quelle a cui credo sulla parole.
Da una parte è un bene, perhcè io che son sempre stata una grande credulona  l'ho sempre presa in quel posto, e magari a forza di batoste ho imparato a selezionare la gente in cui riporre la fiducia.
Dall'altra però mi disturba poichè ormai vivo in questo clima di perenne punto di domanda, sopratutto nelel nuove amicizie.
Non parliamo poi delle conoscenze maschili. Un disastro. Fiuto bugie lontano miglia, non solo con gli uomini con cui ho a che fare, ma anche con quelli delle amiche e conoscenti.
Spero di recuperare presto un equilibrio perchè navigo in mare aperto.
Nel frattempo diamoci alla cucina:-)
 
 Bollire le uova. Sgusciarle e tagliarle a metà separando i tuorli dagli albumi.

lunedì 29 agosto 2016

Tramezzini e Mini Piadine per un Pic nic in famiglia.

Giornate ancora belle e calde, quindi ancora tanta voglia di uscire e divertirsi.
Abbiamo organizzato un PicNic in famiglia, al lago.
Posto davvero carino sul lago d'Iseo. Un angolino tranquillo, curato, attrezzato. Acqua limpida, alberi sotto cui oziare, buona compagnia e tante chiacchiere cosa volere di più.
Come pranzo niente di impegnativo, ma qualcosa di sfizioso che facesse ingolosire anche i bimbi.
Ho preparato un mix di tramezzini e delle mini piadine. Spazzolato tutto



  
Tramezzini con
Phildelfia e pomodorini
Cotto Provola e salsa tartara
salmone affumicato marinato e formaggio spalmabile

giovedì 25 agosto 2016

Frittatine feta e coste colorate

Torni dalle vacanze, apri il frigorifero e risponde l'eco..
Vuoto come mai è stato, quindi vado a saccheggiare il frigorifero di mia madre, che di sicuro è sempre pieno, anzi trasborda.
Come immaginavo, c'è l'imbarazzo della scelta. Recupero qualche uovo, delle coste e della feta e qualcosa ci inventeremo.
Con questa ricetta partecipo al Contest " The mistery Basket" ospitato questo mese sul blog di Pinkopallino

http://pinkopanino.blogspot.it/2016/07/the-mystery-basket-questa-volta-tocca-me.html
.

martedì 23 agosto 2016

Madeira l'isola delle meraviglie



Aspettavo con ansia questo viaggio.
Come avevo raccontato sarebbe dovuto essere  il viaggio della mia rinascita. In cerca delle Balene, un sogno di una vita, e di quella pace che mancava da tempo.
E le aspettative non sono state deluse.
L'isola è davvero una scoperta. Varia, per natura e territorio. Ricca per fauna e flora. Calda, accogliente ed allo stesso tempo impervia e selvaggia.
Come essere contemporaneamente in più posti diversi.
Ma iniziamo con il racconto...
Per risparmiare abbiamo scelto dei voli non proprio comodi. Partenza da Firenze, sosta di dieci ore all'aeroporto di Zurigo, partenza alle 6:30 di mattino per Funchal.
Ora, l'aeroporto di Zurigo non è stata una bella scelta per vari motivi.
Tutto è carissimo, un The caldo l'ho pagato 4 euro. La cena improponibile, ci siamo salvate con un self service bio. L'impianto chiude alle 22 e riapre il mattino, chi è dentro è dentro chi è fuori è fuori. Tutti i negozi/ristoranti/bar chiudono alle 22. Si dorme sulle poltroncine, e va bene, la cosa antipatica sono gli omini delle pulizie che pare facciano apposta a passarti a dieci centimetri di distanza con le loro macchinette infernali. Ma la cosa peggiore sono le campane, queste campane inquietanti che scandiscono l'ora...da brividi.

Passata questa esperienza atterriamo a Funchal con il brivido del vento. Ci avevano avvisato che si trattava di un aeroporto con atterraggi molto movimentati....ecco confermiamo:-) Atterrare di traverso è davvero uno spasso ahahah.
Ritiriamo le valige, ritiriamo la nostra splendida macchinina, una 500 bianca battezzata Elvira, e partiamo direzione hotel.

Hotel molto carino, personale disponibile, gatto nero presente che fa compagnia durante la colazione :-)

Purtroppo siamo arrivati in un momento non felice per l'isola. Un grosso incendio da giorni minacciava la capitale, oltre che la parte alta dell'isola. Ci sono voluti molti sforzi per spegnere le fiamme che han fatto in tempo a provocare non pochi danni a persone, a case, e a beni culturali. Noi solo tempo dopo abbiam avuto modo di constatare parte dei danni, passando con la funivia sopra una delle zone colpite...una tragedia.
 
Abbiamo quindi iniziato la visita dell'isola dall'unica parte agibile, verso Calheta.
Una delle poche spiagge di sabbia, riportata ovviamente, da cui partono le maggiori escurioni marittime.
Abbiam prenotato quindi anche la nostra "caccia alle balene" e ci siamo calate nella vita rilassata dell'isola.
L'oceano è molto freddo, ma nelle varie cale, alcune naturali alcune artificiali, la temperatura dell'acqua permetteva di immergersi e anche di crogiolarsi nelle onde.

lunedì 22 agosto 2016

Summer Contest

Di ritorno dalle vacanze, ecco subito la partecipazione al Summer Contest di That's amore.



http://thatisammore.blogspot.it/2016/07/summer-contest.html





Questo è il mio scatto, a breve però il racconto dettagliato della mia favolosa vacanza

 Un sogno diventato realtà, balene a Madeira. Minuti di religioso silenzio a godersi questo spettacolo della natura...mai emozione cosi grande!!

mercoledì 3 agosto 2016

Polpo alla piastra con ristretto di pomodoro

Questa ricetta è comparsa tra gli annunci di Facebook sulla pagina di un'amica.
Lei l'ha vista e ha pensato bene di girarla a me e chiedermi di farla come cena prevacanza.
E tu vuoi forse dire di no ad un'amica? Sia mai...corri alla ricerca del polpo e torna a casa per preparare questa meraviglia...